Una Pasqua a tutto decor

Da pochi giorni e’ arrivata la tanto sospirata primavera e con essa il desiderio di trascorrere le giornate all’aria aperta, circondati dai colori e dai profumi delle splendide fioriture di stagione.

Il lungo inverno appena trascorso, ha infatti messo a dura prova piante e arbusti che dopo diverse e rovinose gelate si stanno lentamente risvegliando in tutta la loro intensa bellezza.

Il tema della rinascita e del rinnovamento diventa percio’ ideale per salutare anche l’arrivo della Pasqua con decorazioni fresche e luminose capaci di creare un’atmosfera vitale anche nella nostra casa.

Pulcini, coniglietti, uova e nastrini abbinati agli splendidi fiori che questa generosa stagione ci offre, diventano oggetti indispensabili per realizzare delle composizioni in tema.img_3600

Quello che rende il decor cosi’ prezioso e’ proprio la sua capacità di riuscire a trasmettere l’amore per i piccoli particolari, per tutti quei dettagli che combinati con cura tra loro, trasformano qualunque ambiente domestico in un luogo magico e affascinante.

img_3737E se a Pasqua decidete di fare un regalo ai vostri amici e parenti, diverso dal solito uovo di cioccolato, pensate alla possibilità di donare una ghirlanda primaverile: uno splendido simbolo beneaugurante.

Potete realizzarne una voi stessi, utilizzando dei rami intrecciati raccolti in giardino o delle basi da ghirlanda gia’ pronte da decorare con fiori freschi di pesco e piccole ovette colorate o in alternativa con dei fiori artificiali, in modo da ottenere un effetto piu’ durevole nel tempo.img_3701

A presto e Buona Pasqua!!

Maria Grazia

Annunci

Come conservare i bulbi da interno

In questo periodo molti di voi amici, anche via Ig, mi hanno chiesto come comportarsi con i bulbi di tulipani, narcisi e giacinti, che in questi giorni stanno abbellendo e rallegrando le nostre case; una volta terminata la loro fioritura infatti le “bulbose” vengono spesso erroneamente gettate via, rinunciando cosi’ alla possibilità di vederle nuovamente in fiore la primavera successiva.

Cerchiamo dunque di capire come trattarle e qual’è il procedimento piu’ corretto per conservarle.

Innanzitutto e’ importante aspettare che, dopo l’appassimento dei fiori, ingiallisca anche il fogliame fino a seccare completamente, permettendo così al bulbo di assorbire tutto il nutrimento necessario dalle foglie; solo in questo modo quest’ultimo avra’ le sostanze nutritive essenziali per crescere e fiorire anche l’anno successivo.img_7261

Una volta che le foglie saranno divenute completamente gialle potranno essere tagliate.

A questo punto i bulbi andranno estratti dal terreno, ripuliti dalle vecchie radici e conservati al buio in una scatola o in un sacchetto di carta in un luogo fresco e asciutto, per poi essere ripiantati in giardino o in vaso durante l’autunno.

In questo modo potremo vedere queste magiche “cipolline” rinascere e rifiorire in tutto il loro splendore (vedi anche il post È il momento dei bulbi!) la prossima primavera.

A presto! Maria Grazia

Un dono profumato per Natale

Adoro il Natale e soprattutto i suoi preparativi…e in questo periodo dell’anno la mia casa ed il giardino, si trasformano in un vero e proprio laboratorio di idee e di ispirazioni.

Sono proprio i dettagli ed i particolari ad essere fondamentali, per ricreare quell’atmosfera magica e suggestiva che solo il Natale riesce a regalarci.

Alcuni bulbi di giacinto, grazie alla forzatura della fioritura, stanno già sbocciando in tutto il loro splendore , diffondendo nell’aria un’incantevole profumo.

E allora perché non approfittare della loro magia per preparare con le nostre mani un profumato dono per Natale?img_2276

Il procedimento da seguire è semplicissimo:

Procuratevi un cestino della forma e della dimensione che preferite, riempitelo di terra e mettete a dimora i bulbi di giacinto (almeno un paio se la dimensione del cesto è generosa).

Successivamente ricoprite il terreno con del muschio, lasciando scoperta solo la base dei bulbi.. img_7380

aggiungendo qualche bacca rossa (vera o artificiale) darete un tocco festivo alla composizione .

Per renderla un’elegante segnaposto o un raffinato regalo per i vostri amici e conoscenti, apponente infine un’etichetta ( di carta, di stoffa o di juta), avendo cura di legarla alla base del bulbo con della corda o con un nastrino di stoffa .


In questo modo al termine della visita, i vostri ospiti potranno portare via il cestino come raffinato e profumato omaggio.

A presto! Maria Grazia