Le piante da scegliere per una casa ricca di colori

La stagione primaverile è finalmente arrivata e se i vostri terrazzi e giardini sono ancora spogli per mancanza di tempo, vediamo allora quali piante scegliere per avere un pronto effetto di fiori e colori!img_2087

Le ortensie, con la loro innata eleganza e bellezza, sono piante a bassa manutenzione che non si ammalano facilmente e che regalano lunghe fioriture; soltanto durante il periodo estivo necessitano di generose annaffiature e prediligono un’esposizione ombreggiata. In commercio ne esistono svariate tonalità di colore e questo ci permette di poter realizzare in terrazzo come in giardino, composizioni dagli splendidi abbinamenti cromatici.

La lavanda, anch’essa ideale sia in vaso che in giardino, è una pianta molto rustica che resiste all’aridità e alle elevate temperature estive;img_9483 il suo profumo meraviglioso ed il colore intenso riescono con pochi accorgimenti, a ricreare nell’ambiente circostante le suggestive atmosfere provenzali.

Se amate i profumi intensi, provate ad abbinare la lavanda alla pianta aromatica dell’elicriso, che oltre ad essere molto decorativa grazie al fogliame argentato e ai suoi fiorellini gialli, è una pianta estremamente facile da curare perché necessità di poca acqua e cresce in terreni poveri e sabbiosi; l’elicriso emana un deciso aroma di liquirizia che in pochi attimi richiamerà alla memoria, le lunghe passeggiate estive in riva al mare.

Nei giardini e nei balconi più piccoli e ben soleggiati, si può invece pensare di sfruttare lo spazio verticale, ricorrendo a grigliati in legno o in metallo; piante come il falso gelsomino (rincospermo)img_3265-1 che forma un manto profumato di fiori tra maggio e giugno o l’affascinante glicine, arredano infatti con eleganza gli spazi esterni e durano a lungo.

Un unico accorgimento è quello di scegliere delle cassette profonde almeno 50 cm per dare la possibilità alle piante di svilupparsi correttamente.

A presto!

Maria Grazia

Annunci

Diy:come realizzare una ghirlanda primaverile

Da sempre simbolo beneaugurante, la ghirlanda è una delle decorazioni che maggiormente rappresenta la rinascita e la bellezza primaverile; vediamo dunque come realizzarne una con pochi semplici passaggi, sempre nell’ottica del fai da te!

Procuratevi una base per ghirlanda in polistirolo, delle forbici per bricolage, della corda e diversi rametti dei fiori artificiali che preferite.

Avvolgete i rametti di fiori attorno alla parte inferiore della base, aiutandovi con la corda per fissarli alla stessa.

Cercate di essere generosi nella quantità di rametti da utilizzare, in modo da ottenere un effetto più ricco e armonioso.

Una volta riempita la base inferiore…potete iniziare a decorare la parte superiore della ghirlanda, avvolgendo piu’ volte la corda attorno ad essa…

La vostra ghirlanda e’ pronta e potrete utilizzarla come fuoriporta o come decorazione in stile countrychic per la vostra casa di primavera!

Buon lavoro e a presto! Maria Grazia

Una Pasqua a tutto decor

Da pochi giorni e’ arrivata la tanto sospirata primavera e con essa il desiderio di trascorrere le giornate all’aria aperta, circondati dai colori e dai profumi delle splendide fioriture di stagione.

Il lungo inverno appena trascorso, ha infatti messo a dura prova piante e arbusti che dopo diverse e rovinose gelate si stanno lentamente risvegliando in tutta la loro intensa bellezza.

Il tema della rinascita e del rinnovamento diventa percio’ ideale per salutare anche l’arrivo della Pasqua con decorazioni fresche e luminose capaci di creare un’atmosfera vitale anche nella nostra casa.

Pulcini, coniglietti, uova e nastrini abbinati agli splendidi fiori che questa generosa stagione ci offre, diventano oggetti indispensabili per realizzare delle composizioni in tema.img_3600

Quello che rende il decor cosi’ prezioso e’ proprio la sua capacità di riuscire a trasmettere l’amore per i piccoli particolari, per tutti quei dettagli che combinati con cura tra loro, trasformano qualunque ambiente domestico in un luogo magico e affascinante.

img_3737E se a Pasqua decidete di fare un regalo ai vostri amici e parenti, diverso dal solito uovo di cioccolato, pensate alla possibilità di donare una ghirlanda primaverile: uno splendido simbolo beneaugurante.

Potete realizzarne una voi stessi, utilizzando dei rami intrecciati raccolti in giardino o delle basi da ghirlanda gia’ pronte da decorare con fiori freschi di pesco e piccole ovette colorate o in alternativa con dei fiori artificiali, in modo da ottenere un effetto piu’ durevole nel tempo.img_3701

A presto e Buona Pasqua!!

Maria Grazia

Non ti scordar di me!

San Valentino e’ appena trascorso…e rose, ranuncoli e tulipani sono stati tra i protagonisti indiscussi della festa piu’ romantica dell’anno.

Tuttavia c’e’ un’altra piantina che con i suoi teneri e delicati fiorellini simboleggia la fedeltà e l’amore eterno ed e’ il Myosotis, piu’ comunemente conosciuto come “non ti scordar di me”.

Il suo nome trae origine da un’antica leggenda che narra la triste storia di due innamorati austriaci, che sulla riva del fiume Danubio intenti a scambiarsi la promessa di un’amore eterno tenendo in mano proprio i fiori blu del Myosotis, vedono sfortunatamente il giovane innamorato scivolare in acqua, trascinato via da un vortice impetuoso;prima di scomparire per sempre il ragazzo ha solo il tempo di gridare alla fidanzata le sue ultime parole: “Non ti scordare di me”.

Dunque il Myosotis racchiude in se’ una promessa d’amore eterno e con i suoi splendidi fiorellini, i cui colori vanno dal bianco all’azzurro indaco annuncia anche l’arrivo della primavera.

E’ una piantina dalla fioritura abbondante ed estremamente facile da curare che ama i terreni ricchi e umidi e gradisce un’esposizione in pieno sole o a mezz’ombra;queste sue caratteristiche la rendono ideale per il giardiniere fai da te e perfetta per decorare con successo aiuole, bordure e giardini rocciosi.

Durante i mesi di febbraio e marzo può essere utilizzata anche come pianta da vaso per creare delicate composizioni floreali; provate ad esempio ad abbinarla a ranuncoli o a dei tulipani dai colori pastello per esaltarne l’innata eleganza.

Il Myosotis riesce a fiorire bene e con continuità dall’inizio della primavera fino all’estate e per mantenere e prolungare la sua deliziosa fioritura a lungo, sarà sufficiente ricordarsi di rimuovere con regolarità i fiorellini appassiti.

A presto!

Maria Grazia

Come conservare i bulbi da interno

In questo periodo molti di voi amici, anche via Ig, mi hanno chiesto come comportarsi con i bulbi di tulipani, narcisi e giacinti, che in questi giorni stanno abbellendo e rallegrando le nostre case; una volta terminata la loro fioritura infatti le “bulbose” vengono spesso erroneamente gettate via, rinunciando cosi’ alla possibilità di vederle nuovamente in fiore la primavera successiva.

Cerchiamo dunque di capire come trattarle e qual’è il procedimento piu’ corretto per conservarle.

Innanzitutto e’ importante aspettare che, dopo l’appassimento dei fiori, ingiallisca anche il fogliame fino a seccare completamente, permettendo così al bulbo di assorbire tutto il nutrimento necessario dalle foglie; solo in questo modo quest’ultimo avra’ le sostanze nutritive essenziali per crescere e fiorire anche l’anno successivo.img_7261

Una volta che le foglie saranno divenute completamente gialle potranno essere tagliate.

A questo punto i bulbi andranno estratti dal terreno, ripuliti dalle vecchie radici e conservati al buio in una scatola o in un sacchetto di carta in un luogo fresco e asciutto, per poi essere ripiantati in giardino o in vaso durante l’autunno.

In questo modo potremo vedere queste magiche “cipolline” rinascere e rifiorire in tutto il loro splendore (vedi anche il post È il momento dei bulbi!) la prossima primavera.

A presto! Maria Grazia