Come realizzare una ghirlanda di lavanda

Per chi come me ama la lavanda, sa che il periodo ottimale per la sua raccolta è proprio nel periodo di luglio e agosto.

La lavanda una volta tagliata può essere utilizzata in tantissimi modi! Per profumare la biancheria in modo naturale ad esempio, preparando dei sacchettini con i suoi piccoli fiorellini o per decorare casa con tanti fasci colorati.

Oppure realizzando in modo semplice e veloce delle piccole ghirlande da poter appendere alle sedie, alle tende o ai muri di casa per dare un tocco provenzale all’ambiente.

Il procedimento da seguire è molto semplice: procuratevi un fascio di lavanda appena raccolta, una base per ghirlanda e della corda

dividete la lavanda in tanti mazzetti e iniziate a ricoprire la vostra base

Legate i mazzetti di lavanda alla base della ghirlanda usando la corda.

Una volta ricoperta la base della ghirlanda con la lavanda, sagomatela usando delle forbicine.

Con pochi semplici passaggi avrete realizzato una profumata decorazione in perfetto stile provenzale!

A presto! Maria Grazia

Una Pasqua a tutto décor!

Da pochi giorni e’ arrivata la tanto sospirata primavera e con essa la voglia di trascorrere le giornate all’aria aperta, circondati dai colori e dai profumi delle splendide fioriture di questa stagione.

E anche se quest’anno ahimè, siamo costretti a rimanere a casa… non dobbiamo per forza rinunciare alla bellezza delle decorazioni pasquali e a dare un tocco festoso alla nostra casa.

Il tema della rinascita e del rinnovamento diventa percio’ ideale per salutare l’arrivo della Pasqua con decorazioni fresche e luminose capaci di creare un’atmosfera vitale anche negli ambienti di casa. Pulcini, coniglietti, uova e nastrini abbinati agli splendidi fiori che questa generosa stagione ci offre, diventano dettagli indispensabili per realizzare delle composizioni in tema.

img_3600

Quello che rende il decor cosi’ prezioso e’ proprio la sua capacità di riuscire a trasmettere l’amore per i piccoli particolari, per tutti quei dettagli che combinati con cura tra loro, trasformano qualunque ambiente domestico in un luogo magico e affascinante.

img_3737

E per dare un tocco countrychic alla vostra tavola di Pasqua pensate alla possibilità di usare delle piccole ghirlande come segnaposto: uno splendido simbolo beneaugurante.

Potete realizzarne una voi stessi, utilizzando dei rami intrecciati di ulivo raccolti in giardino o delle basi da ghirlanda gia’ pronte da decorare con fiori freschi di pesco e piccole ovette colorate o in alternativa con dei fiori artificiali, in modo da ottenere un effetto piu’ durevole nel tempo.

A presto e Buona Pasqua!! Maria Grazia

Come creare una ghirlanda di uova e piume!

In questi giorni, siamo ahimè costretti a trascorrere molto tempo in casa, e allora perché non approfittarne per preparare delle nuove decorazioni?! un’idea potrebbe essere quella di realizzare una ghirlanda di uova e piume per dare il benvenuto alla nuova stagione.

Per creare una ghirlanda rivestita di piccole uova dovete procurarvi una base in polistirolo o in rattan, delle uova di quaglia (le potete acquistare già svuotate presso i supermercati o anche on line). Le piccole piume invece, potete comprarle in bustine presso i negozi di hobbistica e decorazione.

Scegliete le uova più lucide e incollatele con la pistola a caldo, una accanto all’altra sulla base della ghirlanda, maneggiandole con cura affinché non si rompano. Per completare inserite le piume e qualche rametto di nebbiolina soprattutto negli spazi tra un uovo e l’altro in modo da ottenere un effetto finale più ricco ed armonico.

Con pochi semplici passaggi la vostra ghirlanda primaverile sarà pronta….a presto e non dimenticate: #andra’tuttobene!

Maria Grazia

Segni di primavera 

In questi giorni qualcosa in giardino sta già cambiando….gemme e boccioli iniziano a far capolino ovunque, le primule e le viole fioriscono in tutta la loro bellezza. …segnali di energia vitale, dell’arrivo di una delle stagioni più belle dell’anno…la primavera!

E con essa cresce il desiderio di vivere appieno gli spazi aperti e di rinnovare quelli interni, regalando a tutto ciò che ci circonda una ventata di freschezza e di novità.

Nei vasi, nelle aiuole e bordure spazio dunque ai fiori, in particolare a viole e primule dalle tonalità pastello, luminose e rilassanti…… E dentro casa, è giunto il momento di lasciare da parte i colori bui e più scuri dell’inverno per fare posto a decorazioni e a dettagli dai cromatismi chiari e rasserenanti.

Nella preparazione delle vostre composizioni floreali dunque, utilizzate sia fiori recisi come tulipani, narcisi, ranuncoli che quelli artificiali dalle tonalità fresche e delicate.

Per rinnovare la casa in attesa della primavera basterà seguire i segnali che ci manda la natura e dare così libero sfogo alla fantasia e alla creatività.

A presto! Maria Grazia

Come conservare i bulbi da interno

In questo periodo molti di voi amici, anche via Ig, mi hanno chiesto come comportarsi con i bulbi di tulipani, narcisi giacinti e muscari, che in questi giorni stanno abbellendo e rallegrando le nostre caseuna volta terminata la loro fioritura infatti le “bulbose” vengono spesso erroneamente gettate via, rinunciando cosi’ alla possibilità di vederle nuovamente in fiore la primavera successiva.

Cerchiamo dunque di capire come trattarle e qual’è il procedimento piu’ corretto per conservarle.

Innanzitutto e’ importante aspettare che, dopo l’appassimento dei fiori, ingiallisca anche il fogliame fino a seccare completamente, permettendo così al bulbo di assorbire tutto il nutrimento necessario dalle foglie; solo in questo modo quest’ultimo avra’ le sostanze nutritive essenziali per crescere e fiorire anche l’anno successivo.img_7261

Una volta che le foglie saranno divenute completamente gialle potranno essere tagliate.

A questo punto i bulbi andranno estratti dal terreno, ripuliti dalle vecchie radici e conservati al buio in una scatola o in un sacchetto di carta in un luogo fresco e asciutto, per poi essere ripiantati in giardino o in vaso durante l’autunno.

In questo modo potremo vedere queste magiche “cipolline” rinascere e rifiorire in tutto il loro splendore (vedi anche il post È il momento dei bulbi!) la prossima primavera.

A presto! Maria Grazia