Come realizzare una ghirlanda autunnale ðŸ

Settembre è finalmente arrivato! è giunto il momento di tirare fuori dal cassetto delle decorazioni le pigne, le zucchette è tutto ciò che profuma di bosco.

La stagione più romantica dell’anno sta per arrivare e personalmente le do il benvenuto con questa piccola ghirlanda realizzata interamente a mano.

Realizzarla è stato molto semplice…e se volete potete riuscirci anche voi! vediamo come…

procuratevi innanzitutto il materiale necessario:

-una base per ghirlanda

-rami di abete rosso

– pigne e ghiande

-filo di legatura

-pistola per colla a caldo

-fiocco

Scegliete i rametti più lunghi e disponeteli con cura sulla base della ghirlanda fissandoli ad essa con il filo di legatura.

Arricchite la vostra ghirlanda di rametti fino a ricoprirla del tutto.

Aggiungete un piccolo fiocco , io ne ho usato uno riciclato dall’uovo di Pasqua

Con la colla a caldo fissate ai rami le pigne e qualche ghianda…la ghirlanda è pronta!

A presto!

Maria Grazia

Un autunno a tutto decor!

Le vacanze ahimè sono terminate ed un modo per superare la tipica malinconia da rientro, è sicuramente quello di concentrarsi su nuovi progetti e di pensare all’arrivo di una stagione ricca di stimoli e suggestioni come l’autunno!img_6519

sono proprio questi infatti, i giorni ideali per fare il punto su tutto ciò che ci occorre per creare la giusta atmosfera anche nella nostra casa.

Piccole ghirlande, ciclamini colorati, eleganti eriche e pigne, sono solo alcuni degli elementi indispensabili per riempire  di colore e fascino ambienti come il salone e la cucina.

Sia i ciclamini che le eriche sono piante da esterno, ma per qualche settimana se annaffiate in modo adeguato ovvero evitando i ristagni idrici, riescono a conservare la loro bellezza anche in casa, dando vita a delle splendide composizioni.img_6718

L’aspetto piu’ interessante delle decorazioni autunnali e’ proprio quello di essere a basso costo, in quanto gran parte di questo prezioso materiale come ciclamini, pigne e rametti di pino, possono essere facilmente trovati facendo una rilassante passeggiata nei boschi.img_6605

E se volete dare un immediato tocco autunnale alla vostra cucina, provate a riempire un cestino con delle mele abbinandovi qualche fiorellino di stagione come la thunbergia alata.

A presto! Maria Grazia

 

 

 

Un’esplosione di bellezza: le ortensie Annabelle!

Chi mi segue da un po’ conosce la mia passione per le ortensie, le cui corolle piene di fiori arricchiscono di fascino ed eleganza qualunque ambiente….e oggi vorrei segnalarvi una varietà meravigliosa: l’ Hydrangea arborescens ‘Annabelle’, conosciuta anche come Ortensia Annabelle.Spettacolare per i suoi enormi fiori a forma di palla larghi 30/35 cm che sbocciano da giugno a settembre.Si tratta di un arbusto che non richiede cure particolari: ama l’esposizione in ombra o mezz’ombra e si adatta bene anche a terreni poveri.

Va annaffiata regolarmente e abbondantemente durante tutto il periodo di crescita.

Un unico accorgimento prima di scegliere questa splendida varietà per il vostro giardino: la pianta da adulta raggiunge l’altezza di 120-150 cm ed e perciò necessario fornirgli adeguati spazi, per consentirle di mostrarsi in tutto il suo splendore con le sue appariscenti infiorescenze.

La potatura va eseguita a fine inverno ricordando questa semplice regola: minore è la potatura, più piccoli saranno i fiori che la pianta produrrà la stagione successiva;in questo modo potrete decidere la dimensione del fiore più adatta al vostro giardino.

L’innata bellezza dell’infiorescenza dell’Ortensia Annabelle la rende perfetta anche per le composizioni floreali; i suoi piccoli petali e le sue sfumature di bianco che tendono al verde certosino, creano eleganti suggestioni, ideali per un arredo sia in stile shabbychic che countrychic.

Per esaltarne l’eleganza provate ad abbinarla ad un cestino bianco o ad un vaso di cristallo ed immaginate lo splendore di una tavola nunziale ricoperta dai suoi soffici petali.

Non vi deluderà!img_9633  A presto! Maria Grazia

 

 

Tempo di gerani!

Trai i fiori protagonisti del periodo primaverile vi sono sicuramente i gerani…adatti sia alla coltivazione in vaso che in giardino, fioriscono per diversi mesi senza avere bisogno di cure particolari.

Si tratta di un fiore che personalmente ho rivalutato solo negli ultimi tempi, forse perché in passato il suo uso e’ stato piuttosto inflazionato, danneggiandone un po’ l’immagine.

Tuttavia oggi sono disponibili delle varieta’ piu’ belle e robuste che si prestano meglio ad essere impiegate anche nelle decorazioni floreali.

Vediamo dunque quali sono i principali tipi esistenti in commercio: scegliete quello zonale (profumato con le foglie leggermente pelose) se avete un’esposizione di sole mezz’ombraoptate invece per quello parigino se l’esposizione è in pieno sole e desiderate ottenere un effetto più scenografico;il loro portamento ricadente…..li rende infatti particolarmente indicati per cassette e vasi appesi sui balconi creando un effetto romantico e suggestivo; i gerani a foglia profumata invece sono meno scenografici, ma hanno la particolarita’ di emanare deliziose fragranze che sanno di limone e di menta.

Per quanto riguarda la cura e la manutenzione, ricordatevi che il geranio necessita di annaffiature regolari e di essere concimato periodicamente (circa ogni 15 gg); rimuovendo le foglie ed i fiori secchi,  favorirete poi la formazione di nuovi fiori.

Per dare un tocco di eleganza e di fascino al balcone e al giardino utilizzando i gerani vi consiglio di procurarvi diversi esemplari dello stesso tipo in modo da ottenere un effetto complessivo ricco ed armonico e di scegliere varieta’ dai colori pastello come il viola, il bianco ed il fucsia.

A presto! Maria Grazia
 

 

L’Erica….protagonista d’autunno

Bella e coloratissima, l’erica e’ tra le protagoniste indiscusse dell’autunno in fiore; perfetta per decorare la casa con le sue incantevoli sfumature.

Si tratta di una piantina che appartiene alla famiglia degli arbusti nani e cespugliosi e le sue foglie sono strette ed aghiformi; i piccoli fiori possono essere solitari o raggruppati in mazzetti terminali che fioriscono in diversi periodi dell’anno a seconda della specie.

Essendo una pianta che in natura cresce in ambienti umidi e ventilati, teme molto il caldo, ed è importante perciò mantenere il terriccio sempre sufficientemente fresco e umido.

Grazie alla sua colorazione variegata ed allegra che va dal bianco al rosso intenso, diventa uno strumento ideale nelle mani del giardiniere “fai da te” per realizzare composizioni autunnali che creano atmosfera.

L’erica e’ una pianta talmente versatile che anche abbinata a delle piccole zucchette ornamentali riesce a dare un tocco di colore e d’allegria.

Riempite ad esempio ciotole e fioriere con eriche, cavoli ornamentali e crisantemi o collocatele accanto ad altre piante da fiore stagionali come viole o ciclamini.

L’effetto decorativo sara’ immediato!

Un modo semplice per valorizzare casa, balcone e giardino e per salutare l’arrivo di una stagione davvero splendida

nurserygarden_2015-09-18_09-07-03
A presto! Maria Grazia

Salva