come essiccare le ortensie

In questi caldi giorni estivi, le ortensie sono in piena fioritura mostrandosi in tutto il loro splendore.

E allora perche’ non conservare un po’ della loro bellezza per tutto l’anno?


Luglio e’ il mese ideale per procedere all’essiccazione dei fiori di ortensia.

Vediamo dunque qual’e’ il procedimento piu veloce e semplice da seguire per disidratare questi bellissimi fiori.

Innanzitutto scegliete delle ortensie ancora in piena fioritura, prediligendo i fiori dalla corolla abbondante e dai colori intensi… in questo modo le composizioni floreali  che andrete a realizzare avranno un maggiore effetto decorativo; eseguite quindi un taglio obliquo lasciando lo stelo di una lunghezza di circa trenta cm.


A questo punto, riponete i fiori di ortensia in un vaso alto e piuttosto capiente e adagiate gli steli in maniera tale che riescano a rimanere diritti nel vaso senza difficoltà.

nurserygarden_2015-07-20_10-18-57

Riempitelo con poca acqua e sistematelo in un luogo buio a temperatura ambiente, facendo attenzione a tenere i fiori ben distanziati tra di loro.

Aspettate dunque che l’acqua, evaporando, li secchi naturalmente (in genere il processo richiede fino a due settimane); in questo modo eviterete l’antiestetico accartocciamento delle foglie e lo sbiadimento dei colori.

Una volta che i fiori inizieranno ad essiccare, li dovrete appendere capovolti in un’ambiente buio e fresco.

Con un po’ di pazienza e nessuna spesa, avrete a disposizione del materiale prezioso per decorare con eleganza e fascino la vostra casa per tutto l’anno.
A presto! Maria Grazia

 

 

 

Decorazioni floreali per la tavola d’estate

Incontrare la famiglia e gli amici in casa o all’aperto intorno ad una tavola ben allestita, e’ sicuramente uno dei grandi piaceri dell’estate.

Un’idea semplice per rendere l’atmosfera fresca e raffinata puo’ essere quella di affidarsi ad un bel tovagliato, a stoviglie pregiate e a calici di vino, senza dimenticare pero’ un tocco floreale….​

​Ortensie, rose, margherite…sono solo alcuni degli splendidi fiori che la stagione estiva ci regala, offrendoci spunti per creare decorazioni e allestimenti; per la mia tavola ho scelto di utilizzare dei vasetti in vetro e di riempirli con fiori di garofano indiano dalle tonalità arancio e di abbinarci qualche fiore di ortensia bianco per esaltarne il contrasto cromatico.


Aggiungete alla tavola qualche particolare decorativo personalizzato in modo da comunicare lo stile della vostra casa agli ospiti…..

utilizzando ad esempio un’alzatina in vetro o trasformando una brocca per bevande in un vaso per i fiori.

Non dimenticate infine le candele, la cui fiamma diventa una compagnia ideale per le sere d’estate creando un’atmosfera suggestiva e romantica.

A presto ! Maria Grazia

 

Un’esplosione di bellezza: le ortensie Annabelle!

Chi mi segue da un po’ conosce la mia passione per le ortensie, le cui corolle piene di fiori arricchiscono di fascino ed eleganza qualunque ambiente….e oggi vorrei segnalarvi una varietà meravigliosa: l’ Hydrangea arborescens ‘Annabelle’, conosciuta anche come Ortensia Annabelle.Spettacolare per i suoi enormi fiori a forma di palla larghi 30/35 cm che sbocciano da giugno a settembre.Si tratta di un arbusto che non richiede cure particolari: ama l’esposizione in ombra o mezz’ombra e si adatta bene anche a terreni poveri.

Va annaffiata regolarmente e abbondantemente durante tutto il periodo di crescita.

Un unico accorgimento prima di scegliere questa splendida varietà per il vostro giardino: la pianta da adulta raggiunge l’altezza di 120-150 cm ed e perciò necessario fornirgli adeguati spazi, per consentirle di mostrarsi in tutto il suo splendore con le sue appariscenti infiorescenze.

La potatura va eseguita a fine inverno ricordando questa semplice regola: minore è la potatura, più piccoli saranno i fiori che la pianta produrrà la stagione successiva;in questo modo potrete decidere la dimensione del fiore più adatta al vostro giardino.

L’innata bellezza dell’infiorescenza dell’Ortensia Annabelle la rende perfetta anche per le composizioni floreali; i suoi piccoli petali e le sue sfumature di bianco che tendono al verde certosino, creano eleganti suggestioni, ideali per un arredo sia in stile shabbychic che countrychic.

Per esaltarne l’eleganza provate ad abbinarla ad un cestino bianco o ad un vaso di cristallo ed immaginate lo splendore di una tavola nunziale ricoperta dai suoi soffici petali.

Non vi deluderà!img_9633  A presto! Maria Grazia

 

 

Ad ogni fiore il giusto vaso

In plastica, terracotta, in legno o in vimini……

di vasi e coprivasi per piante e fiori, in commercio ne esistono molteplici; non resta quindi che fare spazio alla fantasia ed al proprio stile per far si che anche dei semplici “contenitori” si trasformino in un perfetto complemento di arredo.

La scelta di un vaso pregiato o dalla forma particolare e’ davvero importante al fine di dare carattere all’ambiente circostante e di esaltare la bellezza naturale di piante o fiori.
nurserygarden_2016-01-26_19-24-29
Ad esempio se siete amanti dello stile countrychic, procuratevi un cesto e riempitelo di fiori d’ortensia dai colori pastello, il risultato finale valorizzerà un fiore dall’ innata eleganza regalando fascino anche alla vostra casa.
Se poi avete vasi molto vecchi, diversi tra loro per stile e dimensione, provate ad utilizzare coprivasi analoghi per il materiale e per il colore, otterrete un risultato sicuramente più piacevole ed omogeneo.
Per quanto riguarda la dimensione del contenitore, ricordatevi di rapportarla sia al luogo ove intendete collocarlo sia al tipo di pianta ospitata al suo interno; in questo modo potrete garantirle lo spazio e il nutrimento adeguato alla crescita.
L’impiego di vasi di plastica e’ ad esempio consigliato per evitare la rapida disidratazione del terreno, mentre la terracotta viceversa e’ indicata per le piante che gradiscono un perfetto drenaggio.img_9198
Ed in giardino ed in terrazzo spazio a contenitori dalle dimensioni generose come anfore e grandi cesti ricchi di fiori e fogliame. img_2088
Ricordatevi infine di concimare regolarmente il terreno, poiché la terra del contenitore tende ad impoverirsi con maggiore rapidita’.
A presto! Maria Grazia

“La rosa perfetta”

Con la loro incantevole bellezza ed il loro meraviglioso profumo, le rose sono le vere regine dei giardini, soprattutto di quelli in stile countrychic..

nurserygarden_2015-08-25_09-45-27

E Febbraio è sicuramente il mese giusto per  metterle a dimora  ed ottenere cosi’ le meravigliose e ricche fioriture di Maggio.

nurserygarden_2015-06-23_09-15-46

Robuste ed adattabili le rose riescono a crescere quasi ovunque; in genere accettano un terreno anche calcareo o argilloso, purché ben esposto al sole ed arricchito con concimi organici. Vanno irrigate regolarmente ma senza eccessi.

In commercio sono disponibili moltissime varietà e specie; alcune intensamente profumate altre meno, con stupende colorazioni che toccano una gamma amplissima di colori e di sfumature che vanno dal bianco, al rosa, passando per un rosso classico  fino ad arrivare al viola e all’arancione.
img_7605
Se siete dunque indecisi sul tipo da acquistare, cercate di basare la vostra scelta soprattutto sul risultato decorativo che volete ottenere.img_7612
Per un giardino in stile countrychic, vi consiglio ad esempio di scegliere le meravigliose rose “David Austin”, rose dai grandi fiori profumati,  esistenti sia a cespuglio che rampicanti, che oltre ad essere estremamente belle per la loro corolla a coppa aperta sono anche resistenti e adatte ad essere recise.img_7607
Se invece volete ricreare un effetto romantico nel vostro giardino, vi consiglio di scegliere le “rose vintage” che ricordano le antiche rose del passato ma con la forza e la rifiorenza di quelle moderne.img_7609
Per rivestire un muro, dei tralicci o pergolati potete invece optare per le rose rampicanti….

come la bella “Clair Matin”dal bellissimo fogliame variegato o scegliere la rosa denominata Meg dai bellissimi fiori rosa; quest’ultima, assolutamente la mia preferita, che oltre ad avere una stupenda doppia corolla, ha una generosa rifiorenza….l’effetto scenico è dunque assolutamente garantito.
Se lo spazio a vostra disposizione è invece piccolo, scegliete le deliziose rose mignon; piccole nella dimensione (i fiori hanno un diametro di 2-5 cm) ma di fattura così perfetta da sembrare cesellati; sono adatte a stare anche in casa e hanno una straordinaria rifiorenza:  i primi fiori sbocciano a maggio, gli ultimi addirittura in novembre se il clima non è eccessivamente rigido.
Per scegliere  dunque la rosa perfetta” dovrete soltanto interrogarvi sulle vostre esigenze e gustarvi infine l’effetto romantico e suggestivo di un fiore semplicemente perfetto e senza tempo.
A presto! Maria Grazia

Aspettando la primavera

Se in questi giorni state già sognando la primavera con  i suoi meravigliosi colori ed i suoi profumi intensi, allora e’ giunto il momento di riempire la vostra casa di ciotole, cesti e vasi colmi di fiori!
E per allestire delle composizioni colorate capaci di ricreare l’atmosfera fresca e vitale tipica della primavera, le bulbose pregermogliate come muscari, giacinti, tulipani, crocus e narcisi sono ideali.
Si tratta di piante estremamente facili che non chiedono altro che un po’ di luce e di acquacostano pochissimo e sbocciano generosamente anche durante il periodo invernale.
Ricordatevi soltanto di mantenere il terreno sufficientemente umido.
Scegliete dunque la varietà che preferite e riponete le cipolline nei vasi ed in ampie ciotole, abbinandole magari a piante stagionali come viole, ellebori, primule per ottenere un effetto piu’ ricco e suggestivo.

In alternativa potete piantare diversi tipi di bulbi anche a strati, ponendo nella parte in basso quelli piu’ grossi (i tulipani ad esempio) e poi man mano quelli piu’ piccoli e precoci (crocus, muscari, narcisi). Questo metodo, detto a “lasagna”, grazie agli strati sovrapposti, consente di vedere una splendida successione di diverse fioriture nello stesso vaso.
In pochi minuti il gioco è fatto, colore e profumo regaleranno vitalità e allegria ai vostri ambienti domestici anche durante le grigie giornate invernali.

E quando i fiori saranno appassiti e le foglie ingiallite, ricordatevi di non gettare via i bulbi; per poterli ripiantare in autunno e vederli nuovamente germogliare bastera’ tagliare le foglie, estrarre i bulbi dal terreno e farli asciugare in un luogo fresco, buio e asciutto. Alcuni tipi di bulbi rifioriscono infatti per anni in tutta la loro bellezza.
M.Grazia
 

 

 

 

Come preparare una ghirlanda Natalizia

Da sempre splendido segno di armonia e fortuna, la ghirlanda e’ un dettaglio prezioso, indispensabile per abbellire porte, finestre o la tavola delle feste.

Vediamo dunque come realizzarne una con pochi semplici passaggi.

Scegliete una base del materiale e della grandezza che preferite (io ne ho utilizzata una di dimensione media realizzata con del fieno intrecciato).

Procuratevi quindi elementi decorativi naturali come foglie, fronde di abete e di pino, agrifoglio, pigne, arance, bacche e frutti invernali…img_6251

e del fil di ferro rivestito .

A questo punto disponete i rami di pino o di abete sulla base della ghirlanda e fissateli ad essa usando proprio il fil di ferro.Ripetete il procedimento fino a quando non avrete riempito tutta la base con i rami intrecciati. Con una forbice da giardino pareggiate infine i rametti piu’ lunghi in modo da dare un aspetto omogeneo alla ghirlanda.

Piccolo tocco finale: usando la colla a caldo, aggiungete qualche elemento decorativo come pigne e fettine di mela o di arancia disidratata.

img_6261

Adesso che la vostra ghirlanda Natalizia e’ pronta,  potete collocarla praticamente ovunque…..sul camino, per la stanza, sugli stipiti delle porte, sulle finestre e godervi cosi’ la sua magica suggestione deorativa.

M.Grazia

 

 

Salva