L’Erica….protagonista d’autunno

Bella e coloratissima, l’erica e’ tra le protagoniste indiscusse dell’autunno in fiore; perfetta per decorare la casa con le sue incantevoli sfumature.

Si tratta di una piantina che appartiene alla famiglia degli arbusti nani e cespugliosi e le sue foglie sono strette ed aghiformi; i piccoli fiori possono essere solitari o raggruppati in mazzetti terminali che fioriscono in diversi periodi dell’anno a seconda della specie.

Essendo una pianta che in natura cresce in ambienti umidi e ventilati, teme molto il caldo, ed è importante perciò mantenere il terriccio sempre sufficientemente fresco e umido.

Grazie alla sua colorazione variegata ed allegra che va dal bianco al rosso intenso, diventa uno strumento ideale nelle mani del giardiniere “fai da te” per realizzare composizioni autunnali che creano atmosfera.

L’erica e’ una pianta talmente versatile che anche abbinata a delle piccole zucchette ornamentali riesce a dare un tocco di colore e d’allegria.

Riempite ad esempio ciotole e fioriere con eriche, cavoli ornamentali e crisantemi o collocatele accanto ad altre piante da fiore stagionali come viole o ciclamini.

L’effetto decorativo sara’ immediato!

Un modo semplice per valorizzare casa, balcone e giardino e per salutare l’arrivo di una stagione davvero splendida

nurserygarden_2015-09-18_09-07-03
A presto! Maria Grazia

Salva

Il giardino d’estate🌸

Ci siamo, ormai è arrivata la tanto sospirata estate! e mai come quest’anno, abbiamo tutti una grande voglia di vivere all’aperto, di goderci gli spazi esterni avvolti dalla bellezza che solo la natura riesce a regalarci.

Personalmente non riuscirei ad immaginare un’estate senza fiori rinunciando ai suoi contrasti di colore e alle splendide fioriture di questa stagione.

Esistono infatti, molteplici varietà di piante che riescono a resistere anche alle alte temperature estive rendendo magico il nostro angolo di verde!

Ad esempio piante come la buganvillea dalla splendida chioma colorata, simbolo del Mediterraneo, ideale per portare in terrazzo o in giardino l’atmosfera del mare e delle vacanze! oppure la Clematide: bella ed elegante, da far salire sui pilastri di una pergola;esistono varietà che fioriscono in primavera e altre che proseguono la fioritura fino a tarda estate.

Se invece amate colori rilassanti come il blu e l’azzurro potete scegliere il bellissimo Plumbago, fiore africano che non teme il caldo, cresce bene anche in vasi profondi e sboccia instancabile fino al mese di ottobre!

Per dare all’ambiente un tocco più tropicale scegliete i fiori di ibisco: grandi e coloratissimi.

L’ibisco richiede poche attenzioni e sta bene sotto una Pergola o un gazebo; si sviluppa rapidamente ed è adatto per essere coltivato sia in vaso sia in piena terra.

Ogni pianta che scegliamo riesce a comunicare all’esterno un po’ di noi , del nostro stile e della nostra personalità! ed è proprio questa particolarità che rende magico il giardinaggio…

Buona estate a tutti!

Maria Grazia 🌸

Come conservare i bulbi da interno

In questo periodo molti di voi amici, anche via Ig, mi hanno chiesto come comportarsi con i bulbi di tulipani, narcisi giacinti e muscari, che in questi giorni stanno abbellendo e rallegrando le nostre caseuna volta terminata la loro fioritura infatti le “bulbose” vengono spesso erroneamente gettate via, rinunciando cosi’ alla possibilità di vederle nuovamente in fiore la primavera successiva.

Cerchiamo dunque di capire come trattarle e qual’è il procedimento piu’ corretto per conservarle.

Innanzitutto e’ importante aspettare che, dopo l’appassimento dei fiori, ingiallisca anche il fogliame fino a seccare completamente, permettendo così al bulbo di assorbire tutto il nutrimento necessario dalle foglie; solo in questo modo quest’ultimo avra’ le sostanze nutritive essenziali per crescere e fiorire anche l’anno successivo.img_7261

Una volta che le foglie saranno divenute completamente gialle potranno essere tagliate.

A questo punto i bulbi andranno estratti dal terreno, ripuliti dalle vecchie radici e conservati al buio in una scatola o in un sacchetto di carta in un luogo fresco e asciutto, per poi essere ripiantati in giardino o in vaso durante l’autunno.

In questo modo potremo vedere queste magiche “cipolline” rinascere e rifiorire in tutto il loro splendore (vedi anche il post È il momento dei bulbi!) la prossima primavera.

A presto! Maria Grazia

Aria di rinnovamento!

Il nuovo anno è arrivato, portando con se’ il suo carico di energie positive e di speranze; e allora perché non trasmettere la bellezza di queste nuove idee ed ispirazioni anche alla nostra casa?nurserygarden_2016-01-23_15-35-46

Una volta messi via l’albero e gli addobbi natalizi con i loro colori caldi e intensi, occorre fare spazio a decorazioni e particolari dalle fresche tonalità pastello, capaci di esercitare un’azione rasserenante e riattivante. E un prezioso aiuto nel decorare casa, può arrivare da fiori splendidi e profumati come tulipani, muscari, narcisi e giacinti, capaci di comunicare all’ambiente circostante luce e bellezza.img_3086

Anche se è ancora inverno, è già possibile inoltre, trovare in vendita piante da fiore come le primule (vedi post Primule…..ed è subito primavera) e le viole (Le preziose viole ) ideali per riempire piccoli cesti e per dare un tocco di profumo e di colore alla casa.

Vivere circondati dalla loro bellezza ci aiuterà a trascorrere piu’ serenamente le giornate e a ricaricare le batterie nei momenti piu’ stressanti della quotidianità, permettendoci di conservare a lungo le sensazioni positive con cui abbiamo salutato l’arrivo del nuovo anno.

A presto!

Maria Grazia

Come realizzare una corona dell’Avvento 🏡🎄

Tra le decorazioni più belle che non possono mancare in una casa che attende impaziente l’arrivo del Natale, vi è la corona dell’Avvento. Si tratta di una tradizione natalizia tipica soprattutto dei paesi di cultura anglosassone e germanica, ove le 4 candele della corona rappresentano le quattro domeniche dell’Avvento e devono essere accese una per settimana, mantenendo l’ordine ogni volta che vengono accese nell’arco delle quattro settimane. La forma della corona invece è circolare, senza inizio né fine, rivestita con foglie sempreverdi, perché rappresenta un simbolo di eternità.

Se ne siete ancora sprovvisti… perché non correte ai ripari realizzandone una con pochi semplici passi?

Vediamo l’occorrente necessario:

una base di ghirlanda in polistirolo

un vassoio in alluminio per alimenti

un po’ di muschio e qualche ramo di una pianta sempreverde (pino o cipresso)

un bulbo di giacinto del colore che preferite

bacche, pigne, fette di arancia essiccate e qualche bastoncino di cannella

una pistola di colla a caldo

Iniziate con il riempire il vassoio di rametti fissandoli sul fondo con un po’ di colla a caldo.

Una volta ricoperta tutta la superficie, adagiate la base di polistirolo al centro del vassoio d’alluminio.

A questo punto ricoprite la base di polistirolo di muschio, aiutandovi con la colla a caldo; adagiate infine il vostro bulbo di giacinto al centro della ghirlanda rivestendone le radici con un po’ di muschio e con qualche rametto di cipresso.

Inserite infine le quattro candele dell’avvento sulla base di polistirolo rivestita e aiutandovi con la colla a caldo, arricchite la vostra corona dell’Avvento con bacche, fette di arance essiccate, pigne e qualche bastoncino di cannella.

Una volta pronta, collocatela al centro del tavolo e aspettate che arrivi la prima domenica d’Avvento per accendere la prima candela 🕯!

A presto! Maria Grazia