come essiccare le ortensie

In questi caldi giorni estivi, le ortensie sono in piena fioritura mostrandosi in tutto il loro splendore.

E allora perche’ non conservare un po’ della loro bellezza per tutto l’anno?


Luglio e’ il mese ideale per procedere all’essiccazione dei fiori di ortensia.

Vediamo dunque qual’e’ il procedimento piu veloce e semplice da seguire per disidratare questi bellissimi fiori.

Innanzitutto scegliete delle ortensie ancora in piena fioritura, prediligendo i fiori dalla corolla abbondante e dai colori intensi… in questo modo le composizioni floreali  che andrete a realizzare avranno un maggiore effetto decorativo; eseguite quindi un taglio obliquo lasciando lo stelo di una lunghezza di circa trenta cm.


A questo punto, riponete i fiori di ortensia in un vaso alto e piuttosto capiente e adagiate gli steli in maniera tale che riescano a rimanere diritti nel vaso senza difficoltà.

nurserygarden_2015-07-20_10-18-57

Riempitelo con poca acqua e sistematelo in un luogo buio a temperatura ambiente, facendo attenzione a tenere i fiori ben distanziati tra di loro.

Aspettate dunque che l’acqua, evaporando, li secchi naturalmente (in genere il processo richiede fino a due settimane); in questo modo eviterete l’antiestetico accartocciamento delle foglie e lo sbiadimento dei colori.

Una volta che i fiori inizieranno ad essiccare, li dovrete appendere capovolti in un’ambiente buio e fresco.

Con un po’ di pazienza e nessuna spesa, avrete a disposizione del materiale prezioso per decorare con eleganza e fascino la vostra casa per tutto l’anno.
A presto! Maria Grazia

 

 

 

Un’estate in fiore

La bella stagione e’ ormai alle porte e finalmente trascorreremo gran parte del nostro tempo all’aperto; vale dunque la pena rendere i nostri spazi esterni belli ed eleganti per vivere questi preziosi mesi estivi circondati dal verde e soprattutto dai fiori.

Scopriamo dunque quali sono le piante che anche nella stagione piu’ calda ed arida,  riescono a regalarci appariscenti fioriture capaci di valorizzare il nostro prezioso spazio esterno……

Cominciamo con l’Ortensia…… (v.p.Ortensie…le vere regine dello stile countrychic)  ben adattabile sia in vaso che in aiuola, le sue corolle ricche di fiori colorati, la rendono una pianta perfetta per rendere l’ambiente elegante e romantico.

nurserygarden_2015-09-24_15-21-40

Ha il vantaggio di essere estremamente facile da curare, predilige le posizioni ombreggiate e necessita solo di annaffiature regolari, soprattutto nei periodi piu’ caldi. Cresce meravigliosamente nel terreno fresco e ricco di concime e la sua bellezza viene notevolmente esaltata se collocata contro muri, siepi o in vaso.

In particolare l’ortensia quercifolia ,  rispetto all’ortensia classica si adatta meglio ad esposizioni più soleggiate, tollerando bene le estati calde.

la Bougainvillea …..pianta simbolo del Mediterraneo, e’ ideale per portare in terrazzo o in giardino l’atmosfera del mare e delle vacanze.nurserygarden_2015-08-12_13-43-49

I suoi fiori sembrano di carta e i colori variano dal viola intenso fino ad arrivare al bianco candido.

 Ama l’esposizione in pieno sole e va annaffiata regolarmente, evitando i ristagni idrici.
La bougainvillea, essendo una rampicante vigorosa, se allevata all’aperto contro pareti o muri riesce a sviluppare una notevole chioma con un effetto decorativo ineguagliabile.

-L’oleandro con il suo profumo dolce ed intenso, è una pianta di facile coltivazione dalla ricca e continua fioritura, robusta e resistente al caldo, ben si adatta sia alla crescita in vaso (purche’ profondo almeno 40 cm) che a quella in giardino.

-la lavanda….. (v.p. Un tocco di Provenza nelle nostre case) portatrice di profumo e di bellezza che sboccia con i suoi meravigliosi fiorellini blu-violetti riuniti in piccole spighe, simili a quelle di grano.img_2477

E’ una pianta che ama l’esposizione in pieno sole e che si adatta ad ogni tipo di terreno (sassoso, sabbioso e calcareo), resiste all’aridità e non è soggetta a parassiti.….davvero perfetta dunque, anche per il giardiniere meno esperto!

Per la vostra estate in fiore ricordatevi infine di concimare il terreno con prodotti a lento rilascio e innaffiate preferibilmente la mattina presto piuttosto che la sera, perché la terra si è raffreddata nelle ore notturne ed assorbe l’acqua senza provocare shock alle radici; procuratevi infine dei sacchi di corteccia tritata da spargere ai piedi delle piante, questo vi aiuterà a mantenere umido il terriccio riducendo il fabbisogno idrico.

A presto!

Maria Grazia

 

Un’esplosione di bellezza: le ortensie Annabelle!

Chi mi segue da un po’ conosce la mia passione per le ortensie, le cui corolle piene di fiori arricchiscono di fascino ed eleganza qualunque ambiente….e oggi vorrei segnalarvi una varietà meravigliosa: l’ Hydrangea arborescens ‘Annabelle’, conosciuta anche come Ortensia Annabelle.Spettacolare per i suoi enormi fiori a forma di palla larghi 30/35 cm che sbocciano da giugno a settembre.Si tratta di un arbusto che non richiede cure particolari: ama l’esposizione in ombra o mezz’ombra e si adatta bene anche a terreni poveri.

Va annaffiata regolarmente e abbondantemente durante tutto il periodo di crescita.

Un unico accorgimento prima di scegliere questa splendida varietà per il vostro giardino: la pianta da adulta raggiunge l’altezza di 120-150 cm ed e perciò necessario fornirgli adeguati spazi, per consentirle di mostrarsi in tutto il suo splendore con le sue appariscenti infiorescenze.

La potatura va eseguita a fine inverno ricordando questa semplice regola: minore è la potatura, più piccoli saranno i fiori che la pianta produrrà la stagione successiva;in questo modo potrete decidere la dimensione del fiore più adatta al vostro giardino.

L’innata bellezza dell’infiorescenza dell’Ortensia Annabelle la rende perfetta anche per le composizioni floreali; i suoi piccoli petali e le sue sfumature di bianco che tendono al verde certosino, creano eleganti suggestioni, ideali per un arredo sia in stile shabbychic che countrychic.

Per esaltarne l’eleganza provate ad abbinarla ad un cestino bianco o ad un vaso di cristallo ed immaginate lo splendore di una tavola nunziale ricoperta dai suoi soffici petali.

Non vi deluderà!img_9633  A presto! Maria Grazia

 

 

Decorazioni pasquali last minute 

Se siete in ritardo con le decorazioni pasquali, eccovi qualche idea decorativa “last minute” per correre ai ripari.

Procuratevi dei fiori freschi….. tulipani o ranuncoli recisi e dopo averli sistemati in un vaso o in un bel cesto, collocateli al centro della vostra tavola; in questo modo le donerete un tocco di freschezza immediato.

Riempite cesti e cestini di fiori e piante artificiali dai colori pastello, come ad esempio del candido mughetto

Utilizzando nidi, uova e gabbiette in stile countrychic, realizzate suggestive composizioni in tema, ricordandovi di abbinarle sempre a colorati fiori di stagione…come ad esempio le viole.

Date infine spazio ai simboli pasquali come teneri pulcini, farfalle e simpatici coniglietti da abbinare a giacinti, muscari o narcisi profumati

La cura dei piccoli dettagli vi aiuterà a rendere più affascinante e suggestivo l’ambiente di casa, in modo da accogliere al meglio amici e parenti.

Buona Pasqua! Maria Grazia 

L’albero giusto!

 

Vero o artificiale? verde, bianco o colorato? L’albero è sicuramente il simbolo del Natale per eccellenza e ne esistono di tutti i tipi ma ciò che conta davvero nella realizzazione di un allestimento suggestivo ed affascinante è sicuramente la sua decorazione.img_6439

La preparazione dell’albero richiede infatti fantasia, passione e qualche piccolo “trucco”.
Partendo dalla sistemazione delle luci, che dovranno essere talmente numerose da riuscire ad illuminare anche la stanza che ospita l’albero, per creare un effetto suggestivo ed indimenticabile.
Vi consiglio percio’ di posizionare le catene luminose prima degli addobbi e di usare i Led che fanno molta più luce delle vecchie lampadine e sono inoltre anche a risparmio energetico.
nurserygarden_2015-12-22_23-36-51
Scegliete poi uno stile preciso per gli addobbi, in modo da ricreare una determinata atmosfera decorativa.
Colori teneri e freddi, che si riallacciano al ghiaccio e alla neve per un gusto elegante, raffinato e romantico…..
 bianco e rosso, bianco e dorato per chi ama invece i classici temi natalizi….img_6436
oppure per gli amanti dello stile countrychic, decorazioni e addobbi dal sapore naturale, legate al tema boschivo, capace di ricreare scene fiabesche e naturali con i suoi personaggi teneri e legati al mondo dell’infanzia…img_6437
Conifere e frutta di stagione, pigne, corteccia e piccole fascine di legni potranno diventare decorazioni suggestive, piccoli tocchi raffinati capaci di regalare un tocco speciale al vostro albero.img_6440img_6435
 Siate infine generosi nella quantità e nella qualità delle decorazioni scelte, soltanto in questo modo l’effetto decorativo finale sarà ricco e soddisfacente.
Ricordate di posizionare infine le sfere più grandi nella parte inferiore dell’albero e via via le più piccole verso l’alto.
Sulla punta meglio posizionare un fiocco che il classico puntale, facendo sempre attenzione a rispettare il tema e la tonalità scelte per decorare l’albero.
 Ora tocca a voi decidere quale stile interpretare…..
 Spazio dunque alla fantasia!
MEG

Salva

Come preparare una ghirlanda Natalizia

Da sempre splendido segno di armonia e fortuna, la ghirlanda e’ un dettaglio prezioso, indispensabile per abbellire porte, finestre o la tavola delle feste.

Vediamo dunque come realizzarne una con pochi semplici passaggi.

Scegliete una base del materiale e della grandezza che preferite (io ne ho utilizzata una di dimensione media realizzata con del fieno intrecciato).

Procuratevi quindi elementi decorativi naturali come foglie, fronde di abete e di pino, agrifoglio, pigne, arance, bacche e frutti invernali…img_6251

e del fil di ferro rivestito .

A questo punto disponete i rami di pino o di abete sulla base della ghirlanda e fissateli ad essa usando proprio il fil di ferro.Ripetete il procedimento fino a quando non avrete riempito tutta la base con i rami intrecciati. Con una forbice da giardino pareggiate infine i rametti piu’ lunghi in modo da dare un aspetto omogeneo alla ghirlanda.

Piccolo tocco finale: usando la colla a caldo, aggiungete qualche elemento decorativo come pigne e fettine di mela o di arancia disidratata.

img_6261

Adesso che la vostra ghirlanda Natalizia e’ pronta,  potete collocarla praticamente ovunque…..sul camino, per la stanza, sugli stipiti delle porte, sulle finestre e godervi cosi’ la sua magica suggestione deorativa.

M.Grazia

 

 

Salva